Lilypad sogno di una utopia

Il bizzarro progetto dell’architetto belga Vincent Callebaut

                    


Lilypad é un progetto frutto della onirica visione del giovane architetto belga (si perché fino a quarant’anni un architretto è ancora considerato giovanissimo) Vincent Callebaut.
Lilypad è la prima città anfibia della storia: una visione futurista di isola galleggiante, metà acquatica e metà terrestre, che potrebbe ospitare fino a 50.000 “rifugiati ambientali”, in fuga da un ambiente di terra ormai inquinato e distaccato dalla realtà ambientale, invivibile; un luogo in cui si potrebbe approdare per sfuggire all’innalzamento del livello delle acque provocato dallo scioglimento dei ghiacci, che è già cominciato e che nei prossimi decenni metterà a serio rischio la vita di intere comunità costiere in diverse zone del pianeta.
L’isola architettonica ecocompatibile verrebbe modellata sulla struttura di un fiore acquatico: la più grande ninfea del mondo (in inglese “lily” vuol dire “ninfea”). Con Lilypad, Callebaut punta a realizzare, basandosi sui principi della biomimetica, una città in totale armonia con l’ambiente, che cresce nel tempo rispettando la biodiversità e sviluppando fauna e flora intorno a un lago centrale di acqua dolce, formato dalla raccolta dell’acqua piovana sottoposta a processi depurativi.
Si tratterebbe di una struttura stratificata, divisa in tre aree marine e tre zone montagnose, sviluppate intorno a un bacino acquatico che si estenderebbe in profondità sotto il livello del mare ospitando delle acquacolture. In superficie prenderebbero vita le cittadelle e le varie attività economiche e sociali della popolazione.
Lilypad sarebbe fatta di plastica, morbida, fatta per galleggiare e scivolare sull’acqua seguendo i ritmi delle correnti e delle stagioni, e sfruttando al massimo le risorse energetiche del sole, della pioggia e dei venti. La sua “pelle” sarebbe composta da fibre di poliestere ed é ricoperta di biossido di titanio, che reagendo ai raggi ultravioletti assorbirebbe l’inquinamento atmosferico.
Il progetto ragiona su come rendere una macro-unità abitativa totalmente autonoma dal punto di vista delle materie prime, delle risorse energetiche, della produzione alimentare. Attraverso l’integrazione di tutte le forme di energia alternativa, dei processi di depurazione naturale (la fitodepurazione, ossia un sistema di depurazione delle acque reflue domestiche, agricole e industriali ispirato al principio di autodepurazione degli ambienti acquatici e delle zone umide) e del trattamento delle biomasse organiche, la città sarebbe a emissioni zero e produrrebbe più energia di quanta ne consumerebbe.
                         



Postato nella categoria: Architettura e sostenibilità.

3 Risposta a Lilypad sogno di una utopia

  1. nelix scrive:

    Ciao Sir / Madam
    Let me in contatto con voi in questo Giorno. Vorrei informarvi che io sono un particolare che offre un prestito finanziario per aiutare le persone nel bisogno. Non siamo senza ignorato la crisi sperimentato il nostro continente ha indebolito le nostre banche e le istituzioni finanziarie. Vorrei condividere la mia offerta di credito o di prestito di denaro tra particolare, questo prestito è alla portata di tutti, se disoccupati, vietato bancario o di file. Mi rivolgo anche alle persone che sono nel bisogno e che cercano di assistenza finanziaria per i progetti o per pagare i loro debiti. Vi offro un prestito di 1000 EURO a 5.000.000 EURO per tutte le persone in grado di ripagare con gli interessi al tasso di 3% per ogni persona interessato scrivermi, persona non seri astenersi. Appena onesto ed affidabile. Contattarmi il mio indirizzo e-mail come segue: nelixpotel@gmail.com.

    Grazie.

  2. no scrive:

    Add To Cart viagra no prescription chea Soft often the first treatment tried for erectile dysfunction in men and .


Lascia un commento